La Fuga da Ubuntu

Non c'è dubbio che Ubuntu sia la distro più utilizzata, ma è anche pur vero, come dicevano ai tempi dell'impero, che tutte le strade conducono a Roma. Ubuntu - se non lo sapevate sapevatelo - deriva da Debian. Anzi, Ubuntu è ancora Debian, in un certo senso. Poiché è, è stata e sarà una sua derivata. L'unica cosa che ha fatto Mark Shuttleworth - colui che finanzia l'azienda che da vita a Ubuntu, Canonical - fu promuovere una Debian più facile da installare. Cosa lodevole ok, ma per il resto non ne parliamo. Per esempio per quel che rispetta il contributo al kernel, oppure a GNOME. Mentre Debian contribuisce costantemente, Ubuntu non apporta molto. Perché a casa Canonical sono un po' impegnati con i loro applets, con i loro Ubuntu One (progetto closed), Ubuntu Music Store e cazzate come: "Che ne dite se muoviamo i pulsanti delle finestre a sinistra così assomigliamo un po' di più a MacOs X?".

Debian e il suo amico Ubuntu, che gli scrocca tutti i giocattoli


Paralelamente, come riporta il sito Distrowatch, la seconda versione di GNU/Linux più utilizzata è Linux Mint. Mint è in realtà una derivata di Ubuntu, ma con certi cambiamenti che la rendono, secondo me, più usabile. Per esempio il menù più comodo, certi cambiamenti nel panello e nella grafica che la rendono più intuitiva, ecc...
Tuttavia a me interessa di più il suo nome: Linux Mint. Metto in chiaro di già che non ho niente contro il concetto filosofico contenuto nel termine africano "ubuntu", anzi, lo promuovo e condivido, ma bisogna capire - d'una volta per tutte - che la cooperazione di cui parla Canonical con il nome che dà alla sua distro è una bugia. 
Linux Mint ha una comunità molto attiva e umana. Debian pure, pensate che fa perfino scegliere il suo Project Leader (Stefano Zacchiroli) con votazioni democratiche dentro la comunità. Ubuntu invece chiama disegnatori privati perché le spostino i pulsanti delle finestre, elimina il video dimostrativo di Mandella senza dire niente. E certo, rendono la distro più bella ma meno libera. Lo so, la licenza è sempre GPL e io posso scegliere sempre che distro usare, ma qui sto affermando che a Canonical non si interessa molto della comunità dei suoi utenti. Perfino Arch Linux, per quanto possa essere da esperti, lascia un margine di voto con il suo sistema AUR.
Linux Mint non può chiamarsi Ubuntu(più qualcosa) perché legalmente dovrebbe avere il permesso di Canonical. Quindi, alla fin fine, Ubuntu è solo un marchio che - ne approfittano - ti spacciano per concetto filosofico. Ottima pubblicità.
Dunque io preferisco una distro che non mi menta a partire dal nome. Per esempio, una che si chiami ,semplicemente, Mint, mi piacerebbe di più.

Arriviamo al sodo, perché la fuga da Ubuntu?
Perché, fondamentalmente, noto come, piano piano, le derivate della distro Canonical stano prendendo le distanze dal progetto. Le ragioni sono, per di più, le stesse (verrano linkate più avanti) Ma io ho una teoria al riguardo: A Canonical non le piaciono le derivate delle loro distro, Canonical è un'azienda e come tale ha bisogno di una rotta, per cui è meglio niente Caos e Anarchia benefiche che comporta il mondo GNU/Linux grazie alle libertà che offre. Inoltre, al di là delle ragioni, è già un fatto che 3 delle sue derivate sono passate - o hanno deciso di farlo - a Debian:

- gNewSense: da Ubuntu a Debian
- Eeebuntu (che ora si chiama Aurora OS): da Ubuntu a Debian Sid

E ora Linux Mint, una delle migliori alternative a Ubuntu sta pensando di fare una versione basata su Debian. Come ho detto prima, tutte le strade portano a Roma. :)

Sapete, una volta ho letto una intervista a Richard Stallman uscita nel giornale "La Nación" in cui gli domandano se non crede che Ubuntu sia un software chiave per arrivare a una gran quantità di utenti, lui rispose così:
È che forse quel che importa non è arrivare in qualunque modo alla maggioranza, l'importante è arrivare con le idee del software libero, mi interessa l'idea di condividere, di proteggere la privacy. Ubuntu non aiuta alla gente a apprezzare la sua libertà. Loro avrebbero potuto aiutare il movimento ma non l'hanno fatto.


...

Note Legali

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001
Le pareti, al suo interno, sono rivestite di Diritto di Critica e Diritto di Satira, maneggiare con cura. Consultare INFO - Disclaimer

Licenza

(CC BY-NC-SA 3.0) | anonimoconiglio.com by Santiago Greco.
This blog is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported License.