La repubblica che tieni nell'armadio, Berlusconi e il leone di Narnia

Certo trovo terribile che nei giorni in cui un fascista tesserato a CasaPound spara a due senegalesi, lui, che fino a pochi giorni fa era il presidente del consiglio, se ne esca con certe dichiarazioni:
«Sto leggendo in questi giorni le lettere di Benito Mussolini e Claretta Petacci. Aveva ragione quando diceva che non è difficile governare gli italiani ma è inutile  [...] Debbo dire che in quelle lettere mi ci ritrovo. Chi governa l'Italia non ha potere, può al massimo chiedere una cortesia, ma non può dare ordini»
Al di là del fatto che i diari del duce che sta leggendo sono finti, dicendo ciò vuole mettere in luce il suo appoggio, in tarda età, per il fascismo. Paragonandosi oltretutto a Mussolini. Già fatto l'anno scorso tra l'altro. Pietoso. 

Ma d'altronde, pensiamoci bene, cos'altro potevamo aspettarci? Che dicesse

«Sto leggendo in questi giorni C.S.Lewis, in particolare le considerazioni del Principe Caspian, aveva ragione quando diceva che a Narnia erano tutti degli animali selvaggi, governarla era inutile.. Debbo dire che nei suoi pensieri mi ci ritrovo molto. D'altronde Narnia riflette in senso lato la storia dell'Italia»

Che dire, per una volta mi trovo d'accordo con lui, davvero. Basta rifletterci.

Esiste questo posto diviso, dove domina la legge del più forte, controllato dalla mafia, della strega del ghiaccio o della camorra fa lo stesso, con un regno pieno di corrotti e tanti condottieri che non riescono a far fronte a tutto il casino. Finché, proprio per risolvere i conflitti, chiamano dei bambini di un altro mondo.

Metafora, quest'ultima, per indicare degli outsider, delle personalità nuove che scendono in campo. Bambini perché richiamano ad una sorta di "innocenza". Tuttavia non sono inesperti, a loro duolerà fare queste cose, ma nonostante il pianto non hanno ripensamenti all'ora di prendere la spada e di sicuro non la mandano a dire.


Lucy: "perdonami Aslan, dovrò fare dei tagli alla tua pensione, dovrai fare dei sacrifici"
Aslan: "Lucy, cerchiamo di capirci, io sono andato sul sito di Repubblica. Ho messo la mia età, gli anni di contributi versati, ma quello schifo di programma mi ha risposto: 68 anni e 5 mesi! Un anno e cinque mesi in più della Merkel! Ora, carissima, piangi quanto vuoi ma correggi la legge perché ora muoio ma non appena rinasco, se le cose continuano così, le tue lacrime fungeranno da sale per la mia pietanza."


...